TINA MODOTTI, SCOPERTA CONTINUA

Di Riccardo Costantini

Tina Modotti : photographie, libérté et révolution.Istituto Italiano di Cultura – Parigi / ottobre – novembre 2020
Vernissage: 27 ottobre 2020, alla presenza dell’attriceMonica Bellucci, lo scrittore Gérard de Cortanze e Riccardo Costantini (Cinemazero).

L’opera di Tina Modotti continua ad affascinare e a rapire gli sguardi. Se fino alle fine degli anni ’70 il suo nome era quasi sconosciuto al largo pubblico, oggi, con buona costanza, mostre, omaggi, spettacoli, eventi vengono realizzati per ricordare la sua opera. Purtroppo, spesso, è più il personaggio a prevalere nel racconto della sua figura artistica. Di certo, non si può fare a meno di subire il fascino di questa donna, sia in termini fisici (di una bellezza che come scrive giustamente Pino Cacucci non può che essere condensata dal termine spagnolo “hermosura”, che include sensualità, grazia, stato d’animo “lieve”…) sia – soprattuto – per gli aspetti biografici. Nata a Udine (Italia) nel 1896, emigrante, prima in Austria poi negli USA, con la famiglia, di povera estrazione e scarsa educazione scolastica, dal suo ingresso negli States nel 1913 la ritroviamo in pochi anni attrice teatrale, poi a Hollywood negli anni ’20, compagna di artisti, frequentatrice di salotti altolocati. Poi, accanto a un gigante della fotografia, come Edward Weston, in Messico, con davanti una carriera intensa di fotografa impegnata, ma “irregolare”, come la definisce correttamente Elisa Paltrinieri, scostante e spesso ripiegata su se stessa, fra incertezze, piccoli e grandi drammi (su tutti la morte violenta dell’amato Juan Antonio Mella). O, ancora, al fianco di esponenti politici importanti, coinvolta (davvero?) nelle trame staliniste internazionali, in fuga dal Messico e poi impegnata socialmente nella Guerra Civile in Spagna, infine in Germania…quasi sempre in questi due paesi senza macchina fotografica. Per poi andarsene, d’improvviso (congestione ufficialmente, ma molti dubitano…), a quarantasei anni, quando è ancora compagna del controverso Vittorio Vidali… Materiale per romanzi, per film, per – appunto – concentrarsi su una vita davvero intrigante. Ma anche per dimenticare l’opera: di donna, di fotografa, di artista, di attenta documentatrice di usi e costumi sociali, di attivista politica… Opera che invece merita attenzioni e approfondimenti costanti. Cinemazero, da cui archivi provengono le foto di questa mostra, da quasi tre decenni si interessa e dedica risorse ed energie per documentare e valorizzare culturalmente la produzione della Modotti. Questo si deve in particolare all’opera di Piero Colussi e Gianni Pignat, che, in collaborazione con i principali studiosi e biografi mondiali di Tina Modotti, hanno raccolto il corpus originale del fondo Modotti di Cinemazero, a cui hanno aggiunto materiali inediti e meno conosciuti (frutto di ricerche in Italia, Russia, Germania, Cuba, Messico, Spagna e Francia, e negli ultimi tempi, con chi scrive, perfino India). Principalmente tratti da internegativi di prima generazione e ottima qualità, gli scatti costituiscono probabilmente l’archivio più ricco al mondo che documenti la produzione della fotografa. Il fondo, nella sua completezza, rappresenta un autentico tesoro per gli studiosi, gli appassionati, gli amanti dell’opera della Modotti, proprio per la sua ricchezza e completezza: infatti a tutt’oggi, il patrimonio della fotografa è frammentato, dislocato in diversi luoghi del pianeta, fra istituzioni, musei e collezioni private che, per sul versante dei pochissimi vintage esistenti, custodiscono la maggior parte degli scatti originali. Chissà se in questo, mancando una collocazione anche museale efficace dell’artista e della sua opera, ha nuociuto ulteriormente il concentrarsi sempre sulla sua biografia…. A conferma di questo, potrebbe venire il fatto che – grazie alle ricerche di Cinemazero – si è potuto solo in tempi recentissimi ricostruire come l’opera fotografica della Modotti arrivi a oltre seicento scatti. Un numero quasi triplo, rispetto al conosciuto e a quanto usualmente creduto. La maggior parte dei volumi fin ora editi e delle mostre realizzate ha bene o male sempre mostrato gli stessi scatti, consegnando al pubblico in genere un’idea molto limitata dell’opera della fotografa udinese.

Ecco perché in questa mostra parigina si vuole da una parte poter consegnare al pubblico largo la possibilità di vedere (o rivedere) alcune delle opere più famose – immancabili per bellezza, forza e

popolarità – ma dall’altra approfondire alcuni temi, creare interconnessioni fra le opere e – auspicabilmente – riflessioni ampie, alcune anche di attualità. Così, nella prima parte della mostra, il percorso più ampio è dedicato all’evoluzione del personaggio, dell’artista, della carriera di Tina: emigrante, italiana ad Hollywood, attrice improvvisamente famosa, modella per i colleghi fotografi, frequentatrice di Majakovskij, Dolores Del Rio, Frida Kahlo, Diego De Rivera. Poi, una parte dedicata alla sua ricerca formale, figlia dell’estridentismo, contaminata – ma profondamene autonoma – dallo stile di Weston. La stessa Modotti definì il suo modus: “una onesta fotografia”, che non sia alla ricerca dell’ “artistico a tutti costi”, piuttosto di “un posto nella produzione sociale, nel presente”. Il cammino fra gli scatti continua in una sezione tutta al femminile con ritratti di donne, alcuni noti altri per nulla visti, a testimoniare l’attualità della sua opera in particolare con le foto sulle donne di Tehuantepec, nobili e fiere nonostante il contesto. Infine, un’ultima parte, collegata alla precedente: una sezione commovente, con uno sguardo al futuro, tenero, speranzoso, tutta dedicata ai bambini. Si dice che la Modotti avesse molto voluto essere madre, ma che problemi fisici glielo impedissero… Ma eccoci di nuovo con la biografia “in agguato”. Quel che è certo, è che Tina – fonte di continue scoperte – fotografa sempre con un’amore e passione che trasuda in ogni scatto. La sua vita, che tanto ci appassiona, sprigiona in realtà inarrestabile da ogni scatto. A ciascuno di noi il compito di farla propria. L’opera della Modotti non smette mai di stupire.

Nico Naldini e il cinema

Ricordi di un prezioso testimone

Di Andrea Crozzoli

Un giorno Nico Naldini mi disse: «La speranza è un sentimento che non appartiene alla vita. Bisogna avere la vitalità di realizzare progetti, non speranze!» e questa vitalità l’ha avuta fino alla fine. Fino a quel fatidico mercoledì 9 settembre 2020 quando serenamente è passato dal sonno al sonno eterno. Intellettuale colto, raffinato, anticonformista fino all’imprevedibilità, Domenico Naldini, per tutti Nico, classe 1929, cugino di Pier Paolo Pasolini e a sua volta poeta, scrittore, regista e tanto altro, è stato da sempre vicino al lavoro di ricerca e raccolta documenti su Pasolini che Cinemazero ha portato, e porta, avanti da sempre.

Naldini, da sensibile e poliedrica personalità qual’era, aveva spesso frequentato i diversi territori del cinema. Nei tumultuosi Anni Settanta si cimentò nella regia con Fascista (1974) un film basato interamente sul montaggio di brani dei cinegiornali Luce con il commento di Giorgio Bassani. Il cugino Pier Paolo Pasolini disse a proposito del film: «Un’opera bellissima e pericolosa. Fascista privilegia il rapporto mistificatorio, ridicolo, bieco fra Mussolini e i suoi sudditi osannanti, sottolineando l’importanza dello stile oratorio del duce con le masse. Rispetto ai fascisti attuali, ormai dei veri e propri nazisti, quelli avevano un’aria casalinga.». Il lavoro venne presentato in quegli anni anche nella natìa Casarsa dal locale circolo del cinema con tanto di dibattito finale alla presenza dell’autore.

In quel periodo Naldini era responsabile della comunicazione per la PEA, la società di produzione di Alberto Grimaldi, potente produttore napoletano che aveva realizzato il meglio del cinema di qualità di quel tempo. Da Sergio Leone con Per qualche dollaro in più (1965), Il buono, il brutto, il cattivo (1966), a Bernardo Bertolucci con Ultimo tango a Parigi (1972) e Novecento (1976). Poi Federico Fellini con Fellini Satyricon (1969) e Il Casanova di Federico Fellini (1976) fino a Pier Paolo Pasolini con la trilogia della vita: Il Decameron (1971), I racconti di Canterbury (1972), Il fiore delle Mille e una notte (1974) e quell’ultimo capolavoro Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975). Sfuggì a Grimaldi solo C’era una volta in America che non riuscì a produrre per dei dissidi col regista. Leone, infatti, tra il 1967 e il 1977 lavorò su infinite versioni orali del film in quanto i diritti cinematografici del romanzo The Hoods (in Italia, Mano armata) di Harry Gray non erano disponibili. Grimaldi abilmente riuscì ad ottenerli, passando, però, poi la mano per dissapori sulla sceneggiatura con Leone. Chiesi a Naldini notizie su Grimaldi, su come lavorava questo mitico produttore: «Alberto Grimaldi non veniva mai sul set, lasciava fare tutto ai registi; lui era sempre chiuso nel suo ufficio circondato da telefoni. Era un gran parlatore e il suo lavoro consisteva nel convincere gli americani a finanziargli i film assicurandosi la distribuzione delle opere in tutto il mondo. E io preparavo le sinopsi per gli americani come responsabile della comunicazione. Per Salò ho dovuto inventarmene una, visto che non avrebbero mai sborsato un dollaro se avessero letto la vera sinopsi.». In vena di confidenze, quel giorno, Naldini mi precisò anche: «Per fare bene l’ufficio stampa nel cinema bisogna essere prima di tutto dei grandi ruffiani.» e con la sua lieve ma profonda ironia proseguì: «L’ufficio stampa richiede molto spesso di usare sapientemente l’adulazione o un atteggiamento di ostentata sottomissione per raggiungere i propri scopi. E io sono stato, in questo senso, ruffiano fino in fondo. Mi divertivo!».

Naldini, pur narcisista cosciente e responsabile, non ostentava mai. Se qualcuno ricordava il suo lavoro nel mondo del cinema, minimizzava, ironizzava, sorvolava con sapienza su questi aspetti. Il trascorrere del tempo lo aveva, però, addolcito, aveva smussato gli angoli spigolosi del suo carattere che lo avevano spesso portato, sempre con estrema classe, a sfuriate fulminanti come quella cui avevo assistito nel 1994 in occasione di un grande omaggio a Pasolini da lui coordinato. Aveva chiesto, ad un noto studioso e docente friulano, di collaborare alla parte fotografica dell’esposizione che vedeva Cinemazero impegnato in prima persona. Lo studioso era attirato dalla cosa ma non gradiva molto la presenza di Cinemazero, temendo forse di non riuscire ad avere la giusta visibilità. Naldini spazientito da quell’atteggiamento tentennante e temporeggiatore prese in mano il telefono e gli chiese se voleva aderire al progetto o meno, aggiungendo perentorio: «Sia il tuo parlare sì, sì o no, no; il di più viene dal maligno.». A questa citazione dal Vangelo secondo Matteo il docente rispose: «Si, ma …» Non riuscì a terminare la frase che Naldini con rabbia aveva già chiuso perentoriamente la comunicazione.

Durante questi ultimi trent’anni ci siamo incontrati in moltissime altre occasioni, comprese le presentazioni dei suoi molti libri redatti sempre con una felice e affabulatoria prosa poetica che lo pone, a mio avviso, tra i grandi scrittori italiani contemporanei.

Nel giugno 2014 avevamo visitato assieme l’indimenticabile mostra “Trame di cinema – Danilo Donati e la Sartoria Farani” che Piero Colussi aveva portato a Villa Manin di Passariano.

Seduto su un divano rosso di sapore buñuelliano [vedi foto sopra], Nico Naldini, visibilmente emozionato per le suggestioni ricevute da tutti quei costumi che lui aveva visto indossati sui vari set cinematografici, si lasciò andare ai ricordi: «Per Salò Grimaldi cercava un fotografo di scena discreto, fuori da giri romanocentrici, che non lasciasse trapelare alcuna immagine, sia per la particolarità del film, sia per evitare scandali e processi che spesso precedevano e accompagnavano i lavori di Pasolini. Gli indicai quindi Deborah Beer, inglese, discretissima e brava, oltre ad essere la compagna di Gideon Bachmann, vecchia conoscenza di Pasolini. Deborah Beer, che stava lavorando sul set di Novecento, abbandonò tutto e seguì magnificamente l’intera lavorazione del blindatissimo set di Salò!». È quindi grazie anche a Naldini se ora quei negativi, quegli scatti esclusivi sul set di Salò, sono conservati presso l’archivio di Cinemazero.

Le sue frequentazioni “ruffiane”, come addetto stampa, facevano di Nico Naldini una inesauribile fonte di aneddoti e storie: «Federico Fellini quando doveva iniziare un nuovo film, convocava i diversi collaboratori fra cui il costumista Piero Tosi, cercando di portarlo in un’eterosessualità che Tosi non gradiva affatto. Fellini lo condusse in un locale di striptease dal quale Piero Tosi fuggì inorridito. Da allora non ha più voluto parlare con Fellini. Subentrò così Danilo Donati, al quale Federico rimproverava, durante il Casanova, una eccessiva furia creativa. Fellini voleva fare le cose con calma mentre Donati era una forza della natura. Per quanto riguarda Tosi, lui rimase nell’ambiente di Luchino Visconti, dove erano tutti sotto il pressante dominio visconteo. Un enclave molto crudele, come la definì Pasolini, con giudizi netti, trancianti. Per cui o si era dentro o si era fuori del clan. Pasolini, e noi tutti, eravamo fuori.».

L’ultima testimonianza, sempre sul filo poetico della leggera ironia, Naldini l’aveva concessa recentissimamente per il bellissimo documentario In un futuro aprile (2020) di Francesco Costabile e Federico Savonitto dove raccontava, scevro da ogni nostalgica malinconia, gli anni giovanili in Friuli accanto al cugino.

Con Naldini, purtroppo, se n’è andato per sempre un insostituibile, prezioso e acuto testimone del novecento italiano. Ci restano, fortunatamente, per sempre le sue opere.

Mediateca di Cinemazero: la formazione al centro!

Di Elena D’Incà

Il nuovo anno scolastico appena inaugurato, sta mettendo a dura prova le istituzioni scolastiche che con grande impegno stanno ripensando la didattica attraverso i canali dell’innovazione tecnologica e del digitale.

La Mediateca di Cinemazero, ben consapevole di questo, vuole confermare per il prossimo anno più che mai la propria vicinanza a docenti e dirigenti, mettendo a disposizione le proprie competenze nell’ambito dell’audiovisivo e del multimediale, per sfruttare al meglio le potenzialità offerte dallinnovazione digitale nel complesso mondo della didattica e della relazione di insegnamento-apprendimento.

Con questo obiettivo per il prossimo anno scolastico abbiamo voluto dei momenti di formazione e confronto con i formatori del mondo della scuola.

Ecco di cosa si tratta:

Il primo e il terzo martedì di ogni mese Cinemazero propone un appuntamento pomeridiano speciale con un film pensato per i docenti, gli educatori e tutti coloro che a vario titolo sono interessati ai temi della formazione: Cineforum per la scuola: Leggere un film con gli occhi di un formatore

Da mese di Ottobre fino a maggio affronteremo diverse tematiche che aiutano ad approfondire la relazione educativa e lo faremo attraverso la visione di un film accompagnata da un’analisi critica ed interpretativa, per comprendere al meglio le potenzialità educative del linguaggio cinematografico e la sua applicabilità nella didattica scolastica.

Il mese di ottobre affronteremo il tema della crescita ed il passaggio all’età adulta con la visione di due film:

Martedì 06 ottobre ore 16.00 A CIAMBRA (2017) di Jonas Carpignano

Martedì 20 ottobre ore 16.00 Cinemazero LA TARTARUGA ROSSA (2016) di Michaёl Dudok de Wit.

Le occasioni di formazione continuano con i seminari di formazione per formatori: 5 appuntamenti dedicati all’aggiornamento professionale rivolti a docenti, educatori e formatori, che si potranno realizzare sia in presenza sia a distanza.

Il primo appuntamento sarà Venerdì 16 Ottobre 2020 ore 15.30 presso la Mediateca con il seminario “Web, che risorsa! Gli archivi video on line come strumento per la Didattica a distanza

Da molti anni la rete si offre come un’autentica risorsa per documenti audiovisivi, ma è spesso poco sfruttata: l’investimento fatto da molti archivi, enti, istituzioni nella digitalizzazione offre per l’Italia un patrimonio sconosciuto ricchissimo, che racconta il nostro paese, che affronta tematiche sociali, storiche, economiche… Un viaggio fra la ricchezza dell’audiovisivo on-line, perchè diventi strumento di corredo delle lezioni fatte a distanza, ma anche di quelle in presenza, proponendo anche utili strumenti di lavoro e percorsi pratici da riproporre in classe.

Verranno inoltre forniti suggerimenti utili ad individuare gli strumenti, i contenuti e le tecniche per integrare la didattica in presenza utilizzando i media audio e audiovisivi: screencast, podcast, videosaggi.

A tenere il primo seminario saranno Riccardo Costantini(Cinemazero) e Manlio Piva (Università di Padova).

Per ‘accorciare le distanze‘ e dimostrare concretamente la nostra vicinanza al mondo dei docenti quest’anno è stato inaugurato uno Sportello informativo e di aggiornamento permanente per gli insegnanti, che sarà a disposizione dei docenti presso la Mediateca di Cinemazero dal martedì al sabato dalle ore 15.00 alle ore 19.00. Presso lo Sportello sarà possibile avere informazioni sull’offerta formativa di Cinemazero e avere consulenza specifica su strumenti e metodologie per utilizzare le potenzialità del linguaggio audiovisivo e dei nuovi media, ad integrazione della didattica curricolare.

Se volete conoscere tutte le novità della proposta didattica per le scuole e le attività di formazione extrascolastica proposte dalla Mediateca, consultate il sito alla pagina…. Per avere maggiori informazioni sulle attività di formazione o per prenotare un posto, inviate una mail a didattica@cinemazero.it oppure … vi aspettiamo in Mediateca!

Il Volo del Jazz

Il jazz di Controtempo torna dal vivo con il IL VOLO DEL JAZZ, al suo 16. anno di vita. “Un’edizione che nasce in un momento complesso per tutti – sottolinea la presidente Paola Martini – e per questo ancora più preziosa”.

Otto i concerti (affiancati da diversi altri eventi), per oltre 40 musicisti sui palchi della rassegna, dal 16 ottobre al 18 dicembre, selezionati dal direttore artistico Loris Nadal con il criterio della curiosità e dell’intenzione di offrire al pubblico occasioni uniche di arricchimento musicale e culturale, con le punte di diamante del jazz italiano e l’eccellenza dei jazzisti provenienti dall’estero a raccontare altri territori e culture: perché il jazz è meticcio per definizione e senza confini.

Si terranno al Teatro Zancanaro di Sacile, cuore propulsore della rassegna, alla Fazioli Concert Hall, dove nel segno di una consolidata collaborazione è atteso il concerto di chiusura, passando per Cinemazero e la rinnovata sinergia con la rassegna “Gli Occhi dell’Africa” e al Paff! di Pordenone.

Il via venerdì 16 ottobre, con una prestigiosa anteprima fuori abbonamento, la doppia replica (alle 19 e alle 21:30, nel Teatro Zancanaro, per dare modo a un più ampio pubblico possibile di accedere) del concerto di Stefano Bollani che si esibisce in “Piano variations on Jesus Christ Superstar”, personale rivisitazione del capolavoro di Lloyd Webber e Rice. Una versione totalmente inedita e interamente strumentale per pianoforte solo: improvvisando sui motivi originali e sulle canzoni, Bollani segue il suo guizzo giocoso e il suo spirito musicale, formato dai tanti generi e incontri che hanno forgiato il suo linguaggio musicale. Per omaggiare e per far sì che la sua musica trasmetta il calore e la profondità dei personaggi del film di Webber e Rice, il pianoforte è intonato a 432 Hz, una scelta inusuale che permette di restituire un suono caldo, suadente, profondo e al tempo stesso limpido.

Sabato 31 ottobre (alle 21, Teatro Zancanaro), sarà la volta del sassofonista Daniele Sepe con “The cat with the hat” che vede la partecipazione del batterista Hamid Drake: un sentito omaggio al grande sassofonista argentino Gato Barbieri, fonte di ispirazione costante per Sepe. Un progetto che, a ben vedere, va oltre l’omaggio per immaginare un repertorio diversificato per generi e provenienza, come se a comporlo o interpretarlo fosse stato Barbieri in persona.

Sabato 7 novembre (alle 21, Teatro Zancanaro), appuntamento speciale con Francesco Cafiso 4et e l’Accademia Musicale Naonis in “A tribute to Charlie Parker”. Nel centenario dalla nascita, un concerto dedicato al grande musicista e compositore che ha reinventato il sassofono contralto e ha contribuito più di tutti a fondare il bebop. Francesco Cafiso si esibisce con il suo quartetto e insieme all’Orchestra d’archi dell’Accademia Musicale Naonis diretta dal Maestro Valter Sivilotti. Grazie alla concessione delle partiture originali da parte del festival Umbria Jazz, verranno riletti gli arrangiamenti originali che lo stesso Cafiso aveva già avuto la possibilità di suonare e registrare in occasione di alcuni concerti in Italia e a New York nel 2005, prodotti dallo stesso Festival Umbria Jazz.

Sabato 14 novembre (alle 21, Teatro Zancanaro), Francesco Bearzatti Tinissima “Zorro” per la prima assoluta con il live painting di Davide Toffolo, frontman dei Tre allegri ragazzi morti. Dopo i successi delle suite dedicate a Tina Modotti, Malcolm X, Woody Guthrie e dell’originalissimo Monk’n’roll, il Tinissima 4tet di Francesco Bearzatti presenta una nuova biografia musicale: ZORRO. Le avventure dell’uomo mascherato più amato nel mondo  che combatte il potere e si schiera con il popolo, suonate dal gruppo più passionale e militante degli ultimi 10 anni. Il concerto si arricchisce con il live painting di Toffolo che descrive le avventure di Zorro attraverso i suoi disegni dal vivo.

In collaborazione con Gli Occhi dell’Africa, rassegna organizzata da Cinemazero, Caritas e l’Altrametà, giovedì 19 novembre a Cinemazero di Pordenone, alle 21, il concerto di Gabin Dabiré: dall’etno al jazz, dal pop al rock, dalla musica tradizionale a quella sperimentale, per attraversare le profondità di un archetipo atavico e transculturale, risvegliando l’idea di un’Africa nera variamente connotata nell’immaginario di ognuno. Originario dall’ Alto Volta, oggi Burkina Faso, Dabiré, che vive in Italia dalla fine degli anni ’80, inizia fin da giovanissimo a girare il mondo, spinto dalla passione musicale e dalla volontà di diffondere la cultura africana.

Sabato 21 novembre si torna al Teatro Zancanaro di Sacile (alle 21) per il concerto del batterista e percussionista francese Manu Katchè, noto per aver collaborato  con star della musica rock del calibro di Peter Gabriel, Sting, Dire Straits, Tracy Chapman, Tori Amos. Al Volo del Jazz presenta il suo nuovo disco: “The ScOpe”, lavoro all’insegna del groove, per avvolgere il pubblico in un gioco ritmico che intreccia tutti i generi frequentati in carriera. 

Sabato 28 novembre, alle 21, al Teatro Zancanaro va in scena “Cosmic Renaissance”: un viaggio cosmico del quintetto plasmato da Gianluca Petrella, trombonista refrattario alle etichette che – avendo già da tempo sistemato ogni questione di fama e autorevolezza relativa al pianeta Terra – veste di nuovo i panni dello skipper intergalattico per turisti degli altri pianeti, oltre le convinzioni del jazz più compiuto.

Ultimo appuntamento, fuori abbonamento, venerdì 18 dicembre, alle 20:45, alla Fazioli Concert Hall di Sacile, con il concerto del pianista finlandese Iiro Rantala, “un fenomeno naturale sui tasti” (Jazz thing). Per quasi vent’anni Iiro Rantala ha conquistato i palcoscenici del jazz d’Europa e non solo, con il suo anarchico “Trio Töykeät”. Spazia dal jazz alla classica, al pop e alla tradizione musicale e folk scandinavo, con molto sentimento e malinconia ma anche con arguzia e fascino. Un vero maestro del pianoforte moderno senza confini.

Per tutte le info clicca qui