Martin Scorsese e il thriller vestito da western

Di Andrea Crozzoli

Riaprono le sale cinematografiche dopo sei mesi di ininterrotta chiusura e dopo un anno e mezzo di pandemia che ha messo in ginocchio l’intera filiera. Ora però, dopo aver archiviato Donald Trump e grazie ad una massiccia campagna di vaccinazioni, gli Stati Uniti offrono una boccata di ossigeno guardando con fiducia al futuro e al cinema. Fiducia che si è trasfigurata in 225 milioni di dollari messi a disposizione per dar inizio delle riprese di Killers of the Flower Moon tratto da uno dei casi letterari del 2017 del giornalista americano David Grann. La sceneggiatura, però, è opera di Eric Roth (Forrest Gump, Dune, Ali, Munich, Il curioso caso di Benjamin Button e A Star Is Born), con la regia di Martin Scorsese e due star di primissimo piano come Robert De Niro e Leonardo Di Caprio. «La vicenda si svolge durante il Proibizionismo, ma lo spirito e il concetto di giustizia è quello del western – ha dichiarato Eric Roth – dove era impossibile trovare 12 uomini bianchi che dichiarassero colpevole un uomo bianco che aveva ucciso un nativo americano.». Tratto da fatti realmente accaduti la storia narra degli indiani Osage che, dopo il periodo di colonizzazione francese, si trovarono a essere cacciati dai loro territori. A poco a poco vennero sospinti verso ovest, destinati a un territorio roccioso e poco coltivabile a nord del Texas: l’Oklahoma.

Tra fine ottocento ed inizio novecento sotto quella terra apparentemente priva di valore vennero scoperti dei giacimenti di petrolio. I diritti di sfruttamento riconosciuti a ciascuno dei 2000 membri della tribù li fecero diventare “la nazione più ricca”. Tutti i membri fruivano di quella ricchezza comprese le donne, che avevano pari diritti tra gli Osage. Fintanto che, nel 1921, Anna Brown, venne trovata morta. Si dovrà però aspettare altri quattro anni e ben 60 indiani assassinati, per far entrare nella vicenda la neonata FBI ed avviare delle serie indagini su questa lunga storia di violenza, soprusi e insabbiamenti. Chi cercava di indagare, infatti, veniva eliminato, come l’avvocato Vaughan, gettato da un treno in corsa, o Barney McBride ucciso con numerose pugnalate per aver richiesto l’intervento dell’FBI. Il Federal Bureau spedì, quindi, l’agente Tom White, che scoprì come molte delle vittime fossero parte di un crudele piano per impossessarsi delle ricchezze della tribù. Uno degli accusati dichiarò: «I bianchi dell’Oklahoma non ci pensavano due volte ad uccidere un indiano. Certo non più di quanto facessero nel 1724.». Con questa crudele storia di avidità e razzismo, ufficialmente dichiarata come “il capitolo più sanguinoso della storia del crimine americano” Martin Scorsese ha riunito due icone del suo cinema come Robert De Niro, all’undicesima collaborazione con Scorsese, e Leonardo Di Caprio qui in veste anche di produttore e alla sua sesta collaborazione con Scorsese. Fu proprio De Niro che nel lontano 1993 scelse Leonardo Di Caprio, allora sconosciuto diciasettenne, per il ruolo di suo figliastro in Voglia di ricominciare diretto da Michael Caton-Jones, dando così inizio ad una folgorante carriera. Inizialmente Di Caprio avrebbe dovuto interpretare Tom White, l’agente dell’FBI, ma ha poi optato per il ruolo di Ernest Burkhart, il nipote di William Hale, cioè di Robert De Niro. Un ruolo definito dallo sceneggiatore Roth: «Molto complicato e molto interessante. È una parte intelligente per un attore intelligente. Se Montgomery Clift fosse vivo avrebbe, probabilmente, preso in considerazione l’ipotesi di interpretare quel personaggio.». Scorsese, oltre ad affermare il suo entusiasmo per l’avvio del film assicura “una rappresentazione accurata” degli indiani Osage per rendere giustizia di un sopruso e per “immortalare un momento della storia americana che non dovrebbe essere dimenticato”. Lunga vita al cinema e aspettiamo con ansia questo film Paramount sul grande schermo prima e poi in streaming su Apple TV +.

La didattica del cinema non va in vacanza!

Creare con il cinema un ponte educativo verso il nuovo anno scolastico

Di Elena D’Incà

La scuola italiana in questo periodo più che mai è stata chiamata a rinnovare il suo impegno didattico, che è diventato una sfida: riuscire a portare avanti, nelle difficili condizioni attuali, il percorso scolare senza “lasciare indietro nessuno” utilizzando tutti gli strumenti pedagogici, didattici e le competenze professionali interne ed esterne.

Con il lancio del Piano scuola estate 2021 il Ministero dell’Istruzione ha voluto lanciare questa sfida anche durante il periodo estivo, nell’intento di creare un ponte educativo che introduca al nuovo anno scolastico 2021/2022 con rinnovate e potenziate competenze disciplinari e relazionali, grazie ad una scuola aperta al mondo esterno.

Cinemazero vuole quindi rinnovare il suo impegno e la sua disponibilità ad affiancare Dirigenti scolastici e Docenti, mettendo a disposizione tutte le proprie competenze tecniche, scientifiche e le professionalità interne, nonché mettendo a disposizione i propri spazi per accrescere le occasioni di apprendimento culturale degli studenti dentro e fuori la scuola.

Cinemazero quindi si propone di affiancare Docenti e Dirigenti nell’attività di progettazione culturale di iniziative volte al rafforzamento e potenziamento delle competenze disciplinari relazionali e della socialità nel periodo di sospensione dell’attività didattica, attraverso l’approccio laboratoriale al linguaggio cinematografico, audiovisivo e multimediale, inteso come linguaggio della contemporaneità, come principale forma espressiva e comunicativa della nuova socialità, la cui conoscenza e padronanza diviene prezioso strumento di cittadinanza attiva.

Per portare a termine questa sfida che si articola sia nel piano disciplinare sia sociale e relazionale, diventa strategico attivare l’approccio didattico con e attraverso il cinema e l’audiovisivo: un linguaggio nel quale gli studenti sono immersi, sia come fruitori sia come produttori, il più delle volte senza una reale formazione specifica e che è in grado di attirare l’attenzione e l’interesse dei giovani, predisponendo con facilità un approfondimento interdisciplinare o la riflessione su tematiche e competenze trasversali.

Molte sono le attività laboratoriali che Cinemazero si propone di attivare presso le scuole del territorio o presso i suoi spazi nel pieno rispetto delle misure anti Covid-19:

  • Leggere e scrivere con l’audiovisivo: Attività laboratoriali di alfabetizzazione al linguaggio audiovisivo inteso come il linguaggio dell’oggi e principale strumento di una socialità mediale più consapevole.

Il percorso si può strutturare sia attraverso incontri teorici di accompagnamento critico alla visione di un audiovisivo (film, serie tv, prodotto multimediale), sia attraverso laboratori pratici nei quali si proporrà la realizzazione di brevi video nella convinzione dell’importanza del “fare per far comprendere”.

  • Percorsi crossmediali: Proposte di visione critica di film, serie tv e contenuti multimediali dai quali cogliere stimoli e riflessioni quali:
    • Il cinema come strumento di lettura della contemporaneità di un autore
    • Il cinema rilegge le opere dell’ingegno
    •  Il cinema e la fotografia come strumento di lettura del nostro recente passato attraverso il quale cogliere le trasformazioni sociali, politiche e culturali di un’epoca
    • Attraverso il cinema conoscere e gestire le emozioni
  • Possibilità di attivare incontri formativi e conoscitivi delle principali professionalità che compongono il mondo della cultura cinematografica e audiovisiva del nostro territorio con l’intento di avvicinare la conoscenza delle professioni della cultura alla scuola in un’ottica anche di orientamento e di conoscenza del territorio.
  • Possibilità di calendarizzare visite della Mediateca e dei suoi archivi (archivio audiovisivo, fotografico e librario) per promuovere la conoscenza di un prezioso servizio per gli studenti e le attività a loro riservate. Durante la visita sarà possibile realizzare un breve laboratorio didattico sul linguaggio cinematografico o organizzare la visione di un film.

Tutti gli incontri (sia teorici, sia pratici, sia le visioni dei film) potranno svolgersi in classe o negli spazi di Cinemazero (sale e Mediateca) nel pieno rispetto della normativa anti contagio.

Per maggiori informazioni inviate una mail a Elena Chiara D’Incà: didattica@cinemazero.it

L’ALTRA montagna

Riprendono gli incontri di Primavera organizzati dal CAI!

Di Grazia Pizzoli

Riprendono gli Incontri di Primavera, organizzati dal Club Alpino Italiano di Pordenone.

L’iniziativa parte dalla naturale propensione del CAI  per le tematiche legate al mondo della montagna, quest’anno però gli amici della sede di Pordenone cercheranno di mostrare le facce più nascoste, meno note, dello screziato mondo delle terre alte.

Questi argomenti verranno rappresentati in due serie di incontri (uno primaverile e uno autunnale), con l’obiettivo di ricomporre un’immagine unitaria a partire dalle molte facce, note e meno note, che può mostrare la montagna.

Per il ciclo primaverile si parte giovedì 13 maggio con lo streaming gratuito su AdessoCinema di Entroterra di Andrea Chiloiro, Matteo Ragno, Riccardo Franchini, Giovanni Labriola, film  tratto da un’esperienza di viaggio e di ricerca che  ricostruisce i recenti processi di spopolamento di territori molto distanti fra loro: dall’Emilia alla Calabria, dalla Campania all’Abruzzo, storie, luoghi e personaggi si intrecciano in un’unica voce appenninica, in cui eventi e tendenze affini rivelano nuove prospettive e possibili radicamenti in alta quota.

Giovedì 20 maggio ci ritroviamo invece a Cinemazero con la Commissione TAM – Tutela ambiente montano per riflettere su cambiamenti climatici, neve e industria dello sci.

Con l’ultimo INCONTRO primaverile, il 27 maggio ci ritroviamo di nuovo a Cinemazero con Angelo Floramo, Mauro Daltin e Alessandro Venier,  autori del libro Il fiume a bordo, viaggio lentissimo dalla sorgente del fiume Tagliamento fino alla sua foce, a Lignano, per raccontare le geografie, la Grande Storia, ma anche per entrare dentro le vite dei protagonisti in un reportage intimo e ironico. Alla presenza degli autori, modererà la serata Daniele Zongaro, della libreria QUOVADIS?

Click o ciack, quasi lo stesso suono?

La fotografia ci ricorda chi siamo

Di Riccardo Costantini

Inaspettata, come la realtà che appare – rovesciata! – nella più semplice camera oscura, è arrivata la riapertura delle sale cinematografiche. Il 26 aprile 2021, dopo 6 mesi praticamente esatti, i cinema italiani hanno potuto riaprire. Tensioni di piazza, politiche, crisi economica e di molte attività hanno “premuto” verso un’accelerazione: così, quasi a conclusione di questo terzo percorso (dopo l’arte contemporanea di “6 vetrine incontrano gli autori” e della grafica/illustrazione di “Zero_Comix”), il “raggio verde” ha illuminato di nuovo gli schermi di Cinemazero…e le vetrine solitamente destinate alle locandine dei film sono state rioccupate prima dai materiali riannuncianti – con tanto di arcobaleno – l’agognata riapertura, poi i primi film in programmazione.

Con gentilezza, doppia perché densa di molti significati, le foto di Guido Cecere I calendari Dolomite” sono state portate nel foyer delle sale, ad adornare le pareti di ingresso: per Cinemazero un segno importante che siano stati gli scatti di un amico di lunga data (spettatore fedele, collaboratore, consulente, curatore di mostre per gli spazi Zeroimages, membro del comitato scientifico della nostra associazione…) a riportarci in sala, a prendere per mano il pubblico e condurlo – con il sorriso tipico di Guido, anche divertito e ironico – a riscoprire la magia del cinema. Un compagno di viaggio mancato poco tempo fa, e che non a caso avevamo scelto – grazie anche alla disponibilità della famiglia – per chiudere un cammino espositivo che per “natura” fa parte della storia di Cinemazero: la fotografia arma il cinema, e già questo basterebbe, ma la storia della nostra attività è da sempre legata alla ricerca, alla valorizzazione, alla custodia dei beni fotografici. Un tratto saliente, che ha reso – proprio in nome dei suoi rari e preziosi patrimoni (con decine e decine di migliaia di scatti conservati), in particolare dedicati alla storia del cinema, degli autori, dei set – Cinemazero noto nel mondo, con le sue mostre, con le sue collezioni e scoperte. Con piacere, pur essendo la fotografia appunto qualcosa di connaturato alla storia di Cinemazero, la curatela di un percorso espositivo dedicato all’ottava arte è stato affidato a un fotografo professionista che con coraggio ha animato in città – spesso proprio insieme a Guido Cecere – uno spazio espositivo votato alla qualità: Leonardo Fabris, della Galleria Due Piani. La contaminazione, la scoperta, il dialogo con il territorio e con i curatori indipendenti, la fertilità dell’apertura ad altre arti sono stati del resto tratti salienti di tutto il cammino delle esposizioni nelle bacheche durante i mesi di chiusura. In questo percorso conclusivo 3 fotografe e 3 fotografi, con equilibrio giocato anche in “parità di genere”,  hanno accompagnato lo scorrere del tempo strano della pandemia (alle volte lentissimo, alle volte uguale a se stesso, ma comunque inarrestabile e particolarmente “smemorato”) portando gli istanti racchiusi nei loro scatti a dilatarsi nell’osservazione del pubblico che ha sempre visitato con partecipazione e costanza la nostra “più piccola galleria d’arte a cielo aperto” del mondo. Abbiamo potuto – negli “scampoli” di libertà concessi al nostro territorio, spesso in “zona rossa” in questo ultimo periodo – sostare davanti alle bacheche scoprendo con le foto di un artista di fama internazionale quale Luca Campigotto come “Gotham City”/New York possa essere uno spazio alienato e alienante, armato – nel vuoto – di una bellezza cristallina e imperiosa, specchiantesi nei bizzarri palazzi della nostra piccola e paesana Ghotam pordenonese, altrettanto ammantata di silenzi e presenze ectoplasmatiche.

I ritratti “frantumati” di un altro fotografo noto nel mondo, Maurizio Galimberti, hanno “porzionato” la nostra usuale visione (dinamica e scorrevole, “a schermo”) di divi del cinema e della musica, ricordandoci come il punto di vista e di focale siano accezioni molto umane, il cui valore è generato dalla moltitudine di sguardo e dalla sua varietà. Sofia Uslenghi, in un concentrato di modernità ossimorica, arricchisce i suoi scatti con interventi digitali fatti pennellate quasi “analogiche” alla vista, sempre all’insegna del bilanciato, della qualità estetica, della nettezza espressiva. Ci ha ricordato come il cammino di questo tempo è stato per molti quello di rinegoziare il sé, di trovare un nuovo equilibrio, di guardarsi dentro con uno specchio che abbiamo osservato anche troppo, fino a farlo rompere, con i rischi che questo comporta, alla fine felici di ritrovarci: noi stessi, ma diversi. Allo stesso modo, ma con altri esiti, quasi metafisici, Valentina Gurli ci ha ricordato – in una città molto sensibile a questi temi – la forza intrinseca delle donne, che per troppo tempo sono state costrette a rinunce e limitazioni, di cui spesso portano ancora collettivamente o singolarmente quasi un esito sul corpo: la storia di una vale per molte, ma non vale per il tutto della società che ancora deve fare molta strada per riaccogliere la donna nella sua interezza, in tutte le sue manifestazioni, in tutta la sua intrinseca forza e bellezza. Temi non solo di Pordenone e di molte associazioni che nel territorio se ne occupano, ma molto anche di Cinemazero, che da tempo in particolare con il suo “Pordenone Docs Fest – Le voci dell’inchiesta” fa un lavoro costante di sensibilizzazione alla parità di genere.

Infine, gli amici. Di Guido Cecere abbiamo detto, ma serve forse ricordare come i suoi “Calendari Dolomite” nel tempo fossero diventati autentici oggetti da collezione, non tanto da esibire in casa o in ufficio (causa il timore che le stampe se esposte potessero scolorirsi, con le loro magnifiche cromie), ma da conservare gelosamente e mostrare a chi ci faceva visita: “ah, guarda, anche quest’anno Guido mi ha tenuto una copia; puoi sfogliarlo, ma non portarlo via!”…facendo morire d’invidia chi – magari non in stretto contatto con lui – non era riuscito ad accaparrarselo. Non è nostra tradizione piangere troppo per chi se n’è andato, e a Guido questo non sarebbe forse piaciuto, ma certo avremmo desiderato – lo ammettiamo – fare ancora qualche mostra con lui. E ridere a cena, di qualcosa di insolito, di un dettaglio, di un particolare umano che nella sua tipica scelta di scala, 1:1, ci ricorda che siamo tutti uguali, ma fortunatamente differenti. Originali.

Infine, il cammino si è aperto con un’altra amica – senza paura di abusare di questa parola – di Cinemazero: Elisa Caldana ci segue da anni e anni, con discrezione e partecipazione, mettendosi di lato o dietro gli ospiti quando serve, per mostrare noi, il nostro pubblico, chi ci fa visita: ospiti, registi, attori… È non solo la nostra fotografa, ma la nostra memoria, una traccia visiva e molto personale, curiosa e originale, come dovrebbe essere lo sguardo di un vero ricordo, pronto a riapparire per ribadire chi siamo e cosa abbiamo fatto, ma sempre fresco e rinnovato nell’oggi. Esporre i suoi scatti creativi, per noi che le affidiamo documentazione di eventi, è stato un regalo doveroso e piacevole, perché con lei condividiamo l’amore per la musica Jazz (l’altra sua grande “vocazione” fotografica), per l’accadere quotidiano pieno di contrasti e rivelazioni…e i brindisi a fine festival, discutendo fino a tarda notte se l’evento sia riuscito, se il film fosse quello giusto, se potevamo fare una cosa meglio, e farci venire una nuova idea… Per adesso la migliore: riaprire il cinema. Ci vuole un brindisi, ci vuole una foto, storica in qualche modo. Finalmente. Click. O ciack? …quasi lo stesso suono…