TENET – OLTRE IL PALINDROMO C’È LA SALA

di Marco Fortunato

Qual è il significato di Tenet, l’affascinante spy-thriller firmato da Christopher Nolan? Dipende. Sicuramente ce n’è più di uno, o almeno non c’è solo quello racchiuso nel titolo e nella trama di cui, in questa sede, non ci occuperemo. D’altronde l’obiettivo di questo spazio è quello di provare ad essere un’occasione di riflessione sull’andamento del “sistema cinema”. E per questo di solito non analizziamo i singoli film e il loro significato, o almeno non dal punto di vista narrativo.

Ma in questo caso, appunto, il discorso è diverso perché Tenet, oltre a quello sullo schermo, ha di certo anche un altro significato, quasi un ruolo, profondo ed importantissimo per tutto il mondo cinema.

Se è vero che, in generale, dopo la pandemia ogni settore economico ha dovuto “raccogliere i cocci” e tentare una difficile ripartenza, ciò è stato ancora più vero per il settore culturale e in particolare quello cinematografico.

Anche quando era chiaro che le sale avrebbero riaperto abbiamo assistito ad una fuga generale dei film dai listini: tanti (troppi) i film finiti in streaming, tanti (troppi) i titoli posticipati a data da destinarsi. «È il mercato bellezza!» diceva la distribuzione a noi esercenti ed era quasi una musica a cui ci stavamo abituando.

Poi è arrivato Tenet e ha dimostrato il contrario. O almeno ci ha provato. Ha provato a dimostrare, nei fatti, che la sala può continuare ad avere un ruolo determinante nella filiera della settima arte, che le persone sarebbero tornate al cinema, che un’aggregazione sicura e responsabile è possibile e che la voglia di cinema, dopo mesi di streaming, non è affatto morta. Ha dimostrato che è ancora possibile ribadire la centralità del ruolo della sala cinematografica (Nolan lo ha detto più volte e si è speso pubblicamente in questo senso), cambiare le regole di mercato (per la prima volta un film del genere è uscito prima in Europa che oltreoceano) e la Warner Bros – la major che distribuisce il film – ha dato prova tangibile di quel coraggio che tanti suoi colleghi a parole avevano detto di avere ma poi hanno fatto fatica a mettere in pratica

C’è riuscito Tenet? Ha vinto o perso la scommessa? È presto per dirlo, ma al momento sembra (usiamo il condizionale perché i dati sono parziali) che i risultati, almeno in Italia, siano buoni. Il film dovrebbe arrivare ad incassare nel nostro Paese 6 milioni di euro – Dunkirk ne fece 8,8 ma aveva un pubblico potenzialmente più alto e il fattore meteo di quest’anno non giocava certo a favore del cinema – anche se il conto, sul versante meramente economico, si farà a livello globale e qui peserà la difficilissima situazione del mercato americano ancora alle prese con il picco della pandemia.

Determinante per capire o meno il successo dell’operazione sarà anche il confronto con chi (i film) ha fatto la scelta opposta. È il caso dell’attesissimo Mulan che la Disney ha scelto di far uscire direttamente sulla propria piattaforma, saltando il passaggio in sala.

Qui le cifre ancora non si conoscono – le poche che girano in rete non risultano ufficiali – ma è un dato di fatto che, ad oggi, nessuno dei prossimi titoli del colosso dell’animazione statunitense abbia abbandonato i listini delle sale cinematografiche, salvo qualche spostamento, come a dire che, dopo l’esperimento fatto con Mulan, per tutti gli altri il passaggio sul grande schermo sarà imprenscindibile.

E Cinemazero? Ha fatto, come sempre, la sua parte. Quasi 1.300 gli spettatori che, ad oggi, hanno visto il film in sala: amandolo, odiandolo, criticandolo o semplicemente non capendolo. Poco importa, perché, come detto, il significato “oltre lo schermo” era quello di riportare la gente in sala e dimostrare che un futuro è possibile. E il pubblico di Pordenone ha dimostrato di averlo capito.

Mediateca di Cinemazero: la formazione al centro!

Di Elena D’Incà

Il nuovo anno scolastico appena inaugurato, sta mettendo a dura prova le istituzioni scolastiche che con grande impegno stanno ripensando la didattica attraverso i canali dell’innovazione tecnologica e del digitale.

La Mediateca di Cinemazero, ben consapevole di questo, vuole confermare per il prossimo anno più che mai la propria vicinanza a docenti e dirigenti, mettendo a disposizione le proprie competenze nell’ambito dell’audiovisivo e del multimediale, per sfruttare al meglio le potenzialità offerte dallinnovazione digitale nel complesso mondo della didattica e della relazione di insegnamento-apprendimento.

Con questo obiettivo per il prossimo anno scolastico abbiamo voluto dei momenti di formazione e confronto con i formatori del mondo della scuola.

Ecco di cosa si tratta:

Il primo e il terzo martedì di ogni mese Cinemazero propone un appuntamento pomeridiano speciale con un film pensato per i docenti, gli educatori e tutti coloro che a vario titolo sono interessati ai temi della formazione: Cineforum per la scuola: Leggere un film con gli occhi di un formatore

Da mese di Ottobre fino a maggio affronteremo diverse tematiche che aiutano ad approfondire la relazione educativa e lo faremo attraverso la visione di un film accompagnata da un’analisi critica ed interpretativa, per comprendere al meglio le potenzialità educative del linguaggio cinematografico e la sua applicabilità nella didattica scolastica.

Il mese di ottobre affronteremo il tema della crescita ed il passaggio all’età adulta con la visione di due film:

Martedì 06 ottobre ore 16.00 A CIAMBRA (2017) di Jonas Carpignano

Martedì 20 ottobre ore 16.00 Cinemazero LA TARTARUGA ROSSA (2016) di Michaёl Dudok de Wit.

Le occasioni di formazione continuano con i seminari di formazione per formatori: 5 appuntamenti dedicati all’aggiornamento professionale rivolti a docenti, educatori e formatori, che si potranno realizzare sia in presenza sia a distanza.

Il primo appuntamento sarà Venerdì 16 Ottobre 2020 ore 15.30 presso la Mediateca con il seminario “Web, che risorsa! Gli archivi video on line come strumento per la Didattica a distanza

Da molti anni la rete si offre come un’autentica risorsa per documenti audiovisivi, ma è spesso poco sfruttata: l’investimento fatto da molti archivi, enti, istituzioni nella digitalizzazione offre per l’Italia un patrimonio sconosciuto ricchissimo, che racconta il nostro paese, che affronta tematiche sociali, storiche, economiche… Un viaggio fra la ricchezza dell’audiovisivo on-line, perchè diventi strumento di corredo delle lezioni fatte a distanza, ma anche di quelle in presenza, proponendo anche utili strumenti di lavoro e percorsi pratici da riproporre in classe.

Verranno inoltre forniti suggerimenti utili ad individuare gli strumenti, i contenuti e le tecniche per integrare la didattica in presenza utilizzando i media audio e audiovisivi: screencast, podcast, videosaggi.

A tenere il primo seminario saranno Riccardo Costantini(Cinemazero) e Manlio Piva (Università di Padova).

Per ‘accorciare le distanze‘ e dimostrare concretamente la nostra vicinanza al mondo dei docenti quest’anno è stato inaugurato uno Sportello informativo e di aggiornamento permanente per gli insegnanti, che sarà a disposizione dei docenti presso la Mediateca di Cinemazero dal martedì al sabato dalle ore 15.00 alle ore 19.00. Presso lo Sportello sarà possibile avere informazioni sull’offerta formativa di Cinemazero e avere consulenza specifica su strumenti e metodologie per utilizzare le potenzialità del linguaggio audiovisivo e dei nuovi media, ad integrazione della didattica curricolare.

Se volete conoscere tutte le novità della proposta didattica per le scuole e le attività di formazione extrascolastica proposte dalla Mediateca, consultate il sito alla pagina…. Per avere maggiori informazioni sulle attività di formazione o per prenotare un posto, inviate una mail a didattica@cinemazero.it oppure … vi aspettiamo in Mediateca!

LE GIORNATE DEL CINEMA MUTO DAL 3 AL 10 OTTOBRE LA 39a LIMITED EDITION

Finale con Laurel & Hardy online e in replica domenica 11 ottobre al Teatro Verdi di Pordenone

Un festival senza il suo pubblico non è un festival e se le centinaia di cinefili provenienti da ogni parte del mondo che si danno abitualmente appuntamento alle Giornate del Cinema Muto quest’anno non possono raggiungere Pordenone a causa della pandemia, sono le Giornate ad andare dagli spettatori, vicini e lontani, in attesa di festeggiare tutti insieme nel 2021 il traguardo della 40a edizione. Grazie alla collaborazione degli archivi internazionali e insieme al partner MYmovies, anche in questa 39a Limited Edition, in streaming dal 3 al 10 ottobre, il festival garantisce un programma che, benché inevitabilmente ridotto, rispecchia la ricchezza della settima arte con commedie, drammi, western, diari di viaggio, dalle origini del cinema muto alla sua massima fioritura. Senza rinunciare all’accompagnamento eseguito dai più quotati musicisti specializzati che fanno parte della squadra delle Giornate. Nel programma selezionato dal direttore Jay Weissberg ritroviamo nomi di autori celebri come G.W. Pabst, Cecil B. DeMille ma anche l’italiano Carlo Campogalliani e, fra le star, Stan Laurel, Oliver Hardy, Mary Pickford, Sessue Hayakawa. Accanto a loro, cineasti e interpreti meno conosciuti o dimenticati ma che rappresentano il meglio dei primi tre decenni del cinema. Non mancano i riferimenti all’attualità, con il programma di cortometraggi che invitano a “ripartire”, e un evento con partitura per orchestra e coro, Gli apache di Atene (1930), con cui il regista greco Dimitrios Gaziades anticipava il neorealismo.

In chiusura uno spettacolo in presenza, domenica 11 ottobre (ore 16.30) al Teatro Verdi di Pordenone,con la“replica”dell’evento finale che vede protagonisti, separatamente, Stan Laurel e Oliver Hardy. Prima di girare nel 1927 il loro primo film insieme (Duck Soup, presentatol’anno scorso) i due avevano già una ragguardevole carriera alle spalle, a lungo oscurata dai trionfi successivi. Il lavoro di riscoperta si deve alla Lobster Films di Parigi e alla Library of Congress con un contributo dell’australiano National Film & Sound Archive. Dopo la presentazione on line con la musica di Neil Brand, al Verdi si vedranno, accompagnati dal vivo dalla Zerorchestra, Detained (1924) con Stan Laurel e Moonlight and Noses da lui diretto nel 1925 (nel cast c’è Fay Wray, futura splendida diva di King Kong che fu ospite delle Giornate nel 1999, a Sacile); il giovane Hardy è co-protagonista con Billy Ruge di The Serenade, del 1916, e accanto a Larry Semon (Ridolini) in The Rent Collector, del 1921.

Info festival: www.giornatedelcinemamuto.it

Biglietti replica: www.comunalegiuseppeverdi.it

Il Volo del Jazz

Il jazz di Controtempo torna dal vivo con il IL VOLO DEL JAZZ, al suo 16. anno di vita. “Un’edizione che nasce in un momento complesso per tutti – sottolinea la presidente Paola Martini – e per questo ancora più preziosa”.

Otto i concerti (affiancati da diversi altri eventi), per oltre 40 musicisti sui palchi della rassegna, dal 16 ottobre al 18 dicembre, selezionati dal direttore artistico Loris Nadal con il criterio della curiosità e dell’intenzione di offrire al pubblico occasioni uniche di arricchimento musicale e culturale, con le punte di diamante del jazz italiano e l’eccellenza dei jazzisti provenienti dall’estero a raccontare altri territori e culture: perché il jazz è meticcio per definizione e senza confini.

Si terranno al Teatro Zancanaro di Sacile, cuore propulsore della rassegna, alla Fazioli Concert Hall, dove nel segno di una consolidata collaborazione è atteso il concerto di chiusura, passando per Cinemazero e la rinnovata sinergia con la rassegna “Gli Occhi dell’Africa” e al Paff! di Pordenone.

Il via venerdì 16 ottobre, con una prestigiosa anteprima fuori abbonamento, la doppia replica (alle 19 e alle 21:30, nel Teatro Zancanaro, per dare modo a un più ampio pubblico possibile di accedere) del concerto di Stefano Bollani che si esibisce in “Piano variations on Jesus Christ Superstar”, personale rivisitazione del capolavoro di Lloyd Webber e Rice. Una versione totalmente inedita e interamente strumentale per pianoforte solo: improvvisando sui motivi originali e sulle canzoni, Bollani segue il suo guizzo giocoso e il suo spirito musicale, formato dai tanti generi e incontri che hanno forgiato il suo linguaggio musicale. Per omaggiare e per far sì che la sua musica trasmetta il calore e la profondità dei personaggi del film di Webber e Rice, il pianoforte è intonato a 432 Hz, una scelta inusuale che permette di restituire un suono caldo, suadente, profondo e al tempo stesso limpido.

Sabato 31 ottobre (alle 21, Teatro Zancanaro), sarà la volta del sassofonista Daniele Sepe con “The cat with the hat” che vede la partecipazione del batterista Hamid Drake: un sentito omaggio al grande sassofonista argentino Gato Barbieri, fonte di ispirazione costante per Sepe. Un progetto che, a ben vedere, va oltre l’omaggio per immaginare un repertorio diversificato per generi e provenienza, come se a comporlo o interpretarlo fosse stato Barbieri in persona.

Sabato 7 novembre (alle 21, Teatro Zancanaro), appuntamento speciale con Francesco Cafiso 4et e l’Accademia Musicale Naonis in “A tribute to Charlie Parker”. Nel centenario dalla nascita, un concerto dedicato al grande musicista e compositore che ha reinventato il sassofono contralto e ha contribuito più di tutti a fondare il bebop. Francesco Cafiso si esibisce con il suo quartetto e insieme all’Orchestra d’archi dell’Accademia Musicale Naonis diretta dal Maestro Valter Sivilotti. Grazie alla concessione delle partiture originali da parte del festival Umbria Jazz, verranno riletti gli arrangiamenti originali che lo stesso Cafiso aveva già avuto la possibilità di suonare e registrare in occasione di alcuni concerti in Italia e a New York nel 2005, prodotti dallo stesso Festival Umbria Jazz.

Sabato 14 novembre (alle 21, Teatro Zancanaro), Francesco Bearzatti Tinissima “Zorro” per la prima assoluta con il live painting di Davide Toffolo, frontman dei Tre allegri ragazzi morti. Dopo i successi delle suite dedicate a Tina Modotti, Malcolm X, Woody Guthrie e dell’originalissimo Monk’n’roll, il Tinissima 4tet di Francesco Bearzatti presenta una nuova biografia musicale: ZORRO. Le avventure dell’uomo mascherato più amato nel mondo  che combatte il potere e si schiera con il popolo, suonate dal gruppo più passionale e militante degli ultimi 10 anni. Il concerto si arricchisce con il live painting di Toffolo che descrive le avventure di Zorro attraverso i suoi disegni dal vivo.

In collaborazione con Gli Occhi dell’Africa, rassegna organizzata da Cinemazero, Caritas e l’Altrametà, giovedì 19 novembre a Cinemazero di Pordenone, alle 21, il concerto di Gabin Dabiré: dall’etno al jazz, dal pop al rock, dalla musica tradizionale a quella sperimentale, per attraversare le profondità di un archetipo atavico e transculturale, risvegliando l’idea di un’Africa nera variamente connotata nell’immaginario di ognuno. Originario dall’ Alto Volta, oggi Burkina Faso, Dabiré, che vive in Italia dalla fine degli anni ’80, inizia fin da giovanissimo a girare il mondo, spinto dalla passione musicale e dalla volontà di diffondere la cultura africana.

Sabato 21 novembre si torna al Teatro Zancanaro di Sacile (alle 21) per il concerto del batterista e percussionista francese Manu Katchè, noto per aver collaborato  con star della musica rock del calibro di Peter Gabriel, Sting, Dire Straits, Tracy Chapman, Tori Amos. Al Volo del Jazz presenta il suo nuovo disco: “The ScOpe”, lavoro all’insegna del groove, per avvolgere il pubblico in un gioco ritmico che intreccia tutti i generi frequentati in carriera. 

Sabato 28 novembre, alle 21, al Teatro Zancanaro va in scena “Cosmic Renaissance”: un viaggio cosmico del quintetto plasmato da Gianluca Petrella, trombonista refrattario alle etichette che – avendo già da tempo sistemato ogni questione di fama e autorevolezza relativa al pianeta Terra – veste di nuovo i panni dello skipper intergalattico per turisti degli altri pianeti, oltre le convinzioni del jazz più compiuto.

Ultimo appuntamento, fuori abbonamento, venerdì 18 dicembre, alle 20:45, alla Fazioli Concert Hall di Sacile, con il concerto del pianista finlandese Iiro Rantala, “un fenomeno naturale sui tasti” (Jazz thing). Per quasi vent’anni Iiro Rantala ha conquistato i palcoscenici del jazz d’Europa e non solo, con il suo anarchico “Trio Töykeät”. Spazia dal jazz alla classica, al pop e alla tradizione musicale e folk scandinavo, con molto sentimento e malinconia ma anche con arguzia e fascino. Un vero maestro del pianoforte moderno senza confini.

Per tutte le info clicca qui